PERSONALITY DEVELOPMENT AND HUMAN RIGHTS

SCENARIO GLOBALE

Il contesto sociale legato ai territori che si affacciano sul Mediterraneo viene messo a fuoco dalla Macroregione Mediterranea secondo un’ottica di uguaglianza e pari opportunità. Tali obiettivi comportano la necessità di una visione globale delle problematiche sociali presenti sul territorio. Le disuguaglianze presenti in particolare tra la costa settentrionale e sud orientale denotano la sussistenza di condizioni precarie e limitanti per i cittadini dei relativi territori. I disagi presenti dovuti alla mancanza di mezzi e risorse hanno comportato negli anni alla radicazione di dinamiche sociali esclusive e annichilenti per gli Stati più disagiati. Dalla scolarizzazione alla sicurezza, sono molti i settori che influiscono sul benessere sociale e sulla qualità di vita. I cittadini dei Paesi mediterranei meno abbienti hanno risentito di una forte limitazione nello sviluppo e nella giusta valorizzazione delle proprie risorse umane. La Macroregione Mediterranea mira a migliorare le condizioni di vita e del contesto sociale. Una qualità di vita migliore con maggiori possibilità di realizzazione personale e sociale concede al Paese la potenzialità di una maggiore produttività. Per raggiungere questo obiettivo la Macroregione Mediterranea si avvale dello studio approfondito delle problematiche sociali pre-senti nei Paesi che fanno parte di essa, cercando di risollevare e sanare le situazioni limitanti che creano disagio ai cittadini. La creazione di un contesto sociale e sicuro rende possibile uno sviluppo sano della società e ciò è possibile sollevando il livello di qualità di vita dove questo non raggiunga i livelli accettati globalmente. La possibilità di studiare, di lavorare, di crescere in un contesto salubre e di creare il proprio futuro grazie all’impegno sono gli obiettivi che la Macroregione Mediterranea raggiungerà grazie ad un ascolto attento e costruttivo delle necessità dei diversi Paesi. Le difficoltà rilevate fra i Paesi del Mediterraneo legate al diverso sviluppo economico e a difficoltà interne non fanno altro che aumentare il divario sociale autoctono già esistente. Nell’ottica della Macroregione Mediterranea vi è una prospettiva di integrazione tra i popoli e all’interno dei popoli. L’incremento dell’assistenza e dell’ascolto attivo delle problematiche rilevate pone le basi per un intervento mirato e concreto per il superamento delle limitazioni presenti e la loro risoluzione. Il disagio sociale porta a condizioni di rischio per le fasce più deboli della popolazione come donne, bambini e anziani. La povertà porta all’aumento della prostituzione adulta e minorile con conseguente mancanza di adeguate cure parentali verso minori e verso gli anziani. Il rischio di un ulteriore incremento esponenziale di queste problematiche impone un intervento massiccio e globale per scardinare strutture radicate e mal funzionanti. Le problematiche legate al contesto sociale non sono limitate ai Paesi meno abbienti del bacino mediterraneo. La considerazione della sponda settentrionale del Mediterraneo come priva di tali problemi costituirebbe un errore. In ogni Paese mediterraneo sono presenti contesti in cui la popolazione soffre e non è omogenea in relazione al benessere e alla qualità di vita. Esistono problematiche legate al traffico di esseri umani, settori sofferenti della società e contesti di povertà e sottosviluppo che non vanno sottovalutati in termini di sofferenza sociale.
La Macroregione Mediterranea promuove un’azione coinvolgente ogni Paese del Mediterraneo, considerando i relativi disagi e partecipando attivamente ad un intervento concreto di sostegno e risoluzione.

Obiettivi della Macroregione Mediterranea

Lo sviluppo del contesto sociale a cui mira la Macroregione Mediterranea comprende un intervento in aiuto dei cittadini. Situazioni difficili come quelle in cui la nostra società si sta trovando in quest’ultimo anno hanno messo e stanno mettendo a dura prova le attività dei cittadini. Il rischio è che molti rinuncino allo sviluppo della e alla realizzazione di se in quanto scoraggiati e impossibilitati a livello economico. Scopo della Macroregione Mediterranea è di fornire un sostegno e un supporto ai cittadini assistendoli nelle problematiche legate alla vita quotidiana che inibiscono la realizzazione personale. La Macroregione Mediterranea ha come obiettivo l’intervento e la prevenzione.

1) L’intervento si muove a favore dei piccoli imprenditori, a sostegno dei settori che in questo momento son a rischio chiusura. La creazione di programmi di assistenza sia economica che psicologica possono interagire per ridare coraggio alle attività autoctone di ogni singolo Paese. Il rischio è infatti che crolli definitivamente il desiderio da parte dei cittadini, non solo di portare avanti l’artigianato, ma anche di portare avanti le pro-prie idee e tentare di realizzarle. Il sostegno verso i cittadini del Mediterraneo si muove per incentivare la creatività e l’impegno di ogni individuo. Il motivo per cui ciò sia ritenuto molto importante è che lo sviluppo sociale è direttamente proporzionale allo sviluppo personale. L’assistenza ai contesti sociali in difficoltà porta all’innalzamento della qualità di vita, partendo dalla scuola, dalla sicurezza e dal benessere individuale fisico ed emotivo. Individuare contesti sociali maggiormente sofferenti. La creazione di programmi di assistenza e di ascolto per individuare le problematiche insite in ogni contesto è ora più che mai necessario per comprendere la tipologia di intervento più opportuno. Ciò è attuabile aprendo un canale di ascolto diretto con i cittadini. Intervenendo attraverso appropriati canali esistenti o da creare in ogni Paese rende possibile instaurare una connessione reale con i cittadini, i quali possono così percepire di essere al centro dell’interesse della Macroregione Mediterranea. Questo tipo di aiuto incentiva la resilienza dei cittadini, rendendoli capaci di reinventarsi anche in seguito a situazioni critiche e complesse. Ciò rappresenta un investimento per il futuro. È infatti vero che per affrontare nuove eventuali future crisi è necessario avere un piano di prevenzione che non consideri solamente l’economia e la sanità del Paese coinvolto, ma comprenda anche un piano di assistenza psicologica e concreta verso i cittadini. In questo modo si renderanno i Paesi del Mediterraneo capaci di affrontare emergenze da ogni punto di vista, senza trascurare il benessere emotivo dei cittadini e la loro qualità di vita.

2) L’adattamento alle eventuali situazioni critiche è possibile grazie al rafforzamento dei meccanismi di intervento che diventano così flessibili ed efficaci nell’affrontare esigenze impreviste. Se infatti centri di ascolto e di assistenza sono già presenti nel territorio si procede con la valutazione dell’efficienza del servizio ed eventualmente al rafforzamento del servizio. In base allo studio di ogni contesto sociale possono essere attuate azioni concrete congruenti alle differenti risposte che ogni Paese può dare ad una condizione di crisi. La versatilità di strutture professionali di assistenza al cittadino rende possibile. Non sono solo le emergenze, ad esempio il Covid, a necessitare piani di intervento. È altresì fondamentale gestire situazioni critiche presenti e radicate da anni in alcune aree del Mediterraneo. Condizioni di povertà, disoccupazione e di rischio per le fasce deboli vanno considerate come prioritarie. La comprensione di tali condizioni è la base per affrontarle e per aiutare il Paese in studio a risolverle. La Macroregione Mediterranea valuta il benessere fisico e psicologico del singolo cittadino come di primaria importanza. Sono quindi essenziali interventi concreti per migliorare la qualità di vita di ogni Paese del bacino mediterraneo che coinvolgano non solo l’ascolto dei cittadini nelle loro necessità ma anche nella creazione di un ambiente di vita sicuro e salubre.

3) In questa tipologia di interventi è compresa particolare attenzione alla scolarizzazione e all’accertamento dell’adeguatezza delle strutture presenti. Viene quindi considerata la sicurezza degli edifici adibiti a strutture scolastiche, la presenza di docenti adeguati alle classi di insegnamento e di materiale scolastico dedicato agli alunni.

4) Ogni punto su cui si sofferma la Macroregione Mediterranea ha come base la tutela dei diritti umani, quindi dalla scolarizzazione, ad una qualità di vita dignitosa, al supporto psicologico e alla protezione della popolazione. Vengono inclusi piani di supporto per combattere il traffico di esseri umani che trova terreno fertile nell’aumento dei flussi migratori. Ciò comporta infatti aumento della prostituzione minorile e adulta, scomparsa di bambini e aumento della criminalità. Una maggiore informazione e un miglioramento della qualità di vita dei Paesi in difficoltà possono essere di supporto per il controllo e la risoluzione di queste problematiche.

Strumenti a disposizione

Per il raggiungimento degli obiettivi preposti è necessaria una approfondita conoscenza delle strutture già esistenti dedite all’assistenza dei cittadini. Alcuni Paesi mediterranei possiedono centri avanzati di assistenza per i tossicodipendenti e alcolisti, centri di ascolto per problematiche di varia natura e centri di recupero per l’infanzia. La Macroregione Mediterranea supporta i centri già esistenti secondo il principio di sussidiarietà, fornendo assistenza se necessaria e sostegno per eventuali miglioramenti delle strutture. Dove questi centri di assistenza non fossero già presenti o non fornissero i risultati attesi si prospetta un piano di intervento mirato ad ottimizzare le risorse, creare e potenziare strutture adatte all’ascolto dei cittadini inserendo figure professionali preferibilmente autoctone. Per la realizzazione dei centri di assistenza e ascolto saranno impiegate le risorse umane del posto così da dare lavoro ai più bisognosi e rendere la comunità attiva nell’aiuto dei propri concittadini. La qualità dell’intervento sarà periodicamente valutata e si fornirà assistenza professionale adeguatamente scelta per poter assistere i centri nella fase di avvio.

Risultati attesi

Dall’attuazione di interventi di supporto ai cittadini dal punto di vista dello sviluppo personale si prospetta un maggior livello di soddisfazione derivata dal vedere concretamente il frutto del proprio impegno. L’assistenza rivolta alle problematiche legate ai disagi della vita quotidiana permette ai cittadini di affrontare ogni decisione con la consapevolezza di poter chiedere aiuto e ascolto e quindi di non essere lasciato solo in condizioni di difficoltà. Dall’attenzione rivolta verso le condizioni di vita e in particolare alle difficoltà dei cittadini è diretta conseguenza un innalzamento della qualità della vita quotidiana. Ciò deriva dalla creazione di un’azione di coesione, di vicinanza e di coinvolgimento dei cittadini attraverso la Macroregione Mediterranea. La consapevolezza da parte di cittadini di essere al centro delle cure della Macroregione Mediterranea permette di ricevere richieste di aiuto mirate e di attuare interventi mirati di assistenza e supporto.

Ripetibilità dei progetti

Ogni progetto mirato all’assistenza e al supporto del cittadino, attuato dalla Macroregione Mediterranea, si basa sul rispetto della Carta dei Diritti Umani. Pertanto volge la sua azione a cogliere quali siano le problematiche specifiche di ogni Paese. La struttura di base di ogni tipologia di assistenza può essere riproposta per ogni Paese che ne abbia necessità. È fondamentale che queste strutture di progetto siano adattate alle specifiche necessità legate al contesto territoriale, culturale e di necessità. Per ottenere infatti interventi concreti ed efficaci si pone cura alla valutazione di ogni problematica e a eventuali integrazioni e modifiche degli interventi.