ATTIVITA’, posizioni e azioni della macroregione mediterranea nei paesi

Novembre e Dicembre 2023 Mediterraneo in Egitto

Protagonista di Interreg NEXT MED, a dicembre  2023, è l’Egitto. 

Un rilevante esempio di coesione e sviluppo mediterraneo è l’Autorità di Gestione del Programma Interreg NEXT MED 2021-27 per un finanziamento UE di 103.6 milioni di euro riservato alle sfide del Mediterraneo. 

Dopo l’apertura dei termini di partecipazione al bando  nel novembre 2023 stanno seguendo una serie di eventi informativi e altre attività in presenza nei territori dell’area di riferimento e online, rivolte alle organizzazioni interessate. 

Si possono, così, candidare progetti di cooperazione transnazionale volti a catalizzare trasformazioni positive, alimentare il progresso collettivo e incoraggiare lo sviluppo sostenibile e inclusivo in tutta l’area del Mediterraneo. 

Seguendo l’ambizione generale di rendere la regione più intelligente e competitiva, più verde e resiliente ai cambiamenti climatici, più sociale e inclusiva e meglio governata, l’invito si concentra su temi cruciali. Tra questi, per esempio: il rafforzamento delle capacità di ricerca e innovazione, la promozione della crescita delle PMI, il progresso delle soluzioni legate alle energie rinnovabili, il rafforzamento delle misure di adattamento ai cambiamenti climatici, la promozione di opportunità educative, la garanzia dell’accesso a un’assistenza sanitaria di qualità e il miglioramento dei processi di governance locale. 

I 15 Paesi partecipanti al NEXT MED, con una copertura geografica del bando che si estende a oltre 90 territori di 7 paesi dell’UE ed altri 8 paesi partners mediterranei sono Cipro, Grecia, Francia, Italia, Malta, Portogallo, Spagna e Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Palestina, Tunisia e Turchia). Ogni progetto, pertanto, dovrà essere presentato da un partenariato che rappresenti almeno 3 organizzazioni provenienti da 3 diversi paesi ammissibili, incluso almeno un paese partner mediterraneo. 

In questa fase molto attivo risulta l’Egitto che sta instaurando rilevanti cooperazioni, tutte nell’ottica della coesione e dello sviluppo mediterranei. Al bando possono partecipare una vasta gamma di portatori di interessi, tra cui autorità pubbliche nazionali e regionali, comuni, organizzazioni no-profit/della società civile, università, enti di ricerca, aziende private ed altri enti indicati nelle Guidelines for Applicants. 

A seconda del tipo di progetti previsti per questo primo bando – tematici, orientati ai giovani e di governance – il sostegno finanziario dell’UE varierà da 500.000 a 2,5 milioni di euro. Il contributo dell’UE non potrà ad ogni modo superare l’89% dei costi totali ammissibili delle iniziative e il cofinanziamento dovrà essere almeno pari all’11% dei costi totali ammissibili.   

La Macroregione Mediterranea si congratula per l‘impegno dell’Egitto circa la coesione e collaborazione tesa a creare le migliori condizioni per l’implementazione dei quattro Pilastri.

Translate »